Home /

Stampanti 3D a resina DLP SLA a Brescia

Differenze tra

Stampanti 3D a resina DLP SLA

e a filamento FDM FFF

stampanti 3D a resina DLP SLA - Rosso3D vendita stampanti 3D a Brescia

La prima grande differenza tra le due tecnologie è che le DLP SLA utilizzano come materiale consumabile un liquido, appunto una resina. Un fascio laser (nei modelli SLA) o un proiettore luminoso (nei modelli DLP) hanno il compito di indurire la resina nelle zone utili per produrre l’oggetto finito.

Nelle stampanti FDM FFF viene sciolto un filamento che viene depositato, tramite un piccolo ugello, nelle zone utili per produrre l’oggetto finito.

La finitura delle stampanti 3D a liquido è solitamente migliore. La superficie risulta liscia al tatto. Più la risoluzione del layer di stampa è bassa più la superficie è liscia e si possono stampare dettagli incredibilmente piccoli.

Il materiale consumabile, la resina, quando indurisce non è molto flessibile. Direi che è fragile e se il pezzo cade a terra quasi sicuramente si rompe. Dato il grande interesse per la tecnologia a liquido vari produttori stanno sviluppando resine sempre più performanti.

Spesso la resina indurita, cioè il vostro oggetto appena stampato, deve essere rilavorata in un “fornetto” per renderla più dura e non presentare zone “appiccicose”.

Supporti e stampa 3D a resina liquida

Chi usa le stampanti 3D a filamento sa che in alcuni casi il pezzo in stampa deve essere supportato con del materiale a perdere. Quando le zone del pezzo presentano dei sotto-squadra (la superficie da stampare ha un inclinazione superiore ai 45 gradi) si devono creare dei supporti. Solitamente è il software di slicing che si incarica di produrre questi supporti nella fase di preparazione del file stl.

I supporti creano una irregolarità, diciamo una imperfezione, nella superficie del pezzo stampato. Quando si vuole migliorare la resa estetica nell’utilizzo dei supporti si usano stampanti 3D a doppio ugello. In questo caso il materiale di supporto è “scioglibile” in acqua (filamento PVA) o in limonene (filamento HIPS). La rimozione dei supporti è quasi sempre semplice, ma dovrai utilizzare del tempo per eseguire questa rimozione in modo meccanico.

Stampanti 3D a resina DLP SLA - rimozione dei supporti

Stampanti 3D a resina DLP SLA – rimozione dei supporti (credit FormLab)

Differenze tra tecnologia DLP e SLA

Le stampanti 3D a resina si differenziano per due modalità di indurimento del liquido. Cambia il modo in cui viene “disegnato” lo strato che diventerà solido.

SLA è l’acronimo della tecnologia a stereolitografia. In questa stampante 3D un raggio laser viene spostato “disegnando” lo strato che deve diventare solido.

DLP è l’acronimo di Digital Light Processing. Un video proiettore “disegna” un intero strato che solidifica dopo un certo tempo (curing). In questa tecnologia è critica la qualità e risoluzione del  video proiettore. La stampa è teoricamente più veloce, molto dipende dai tempi di curing della resina utilizzata.

Tutte e due le tecnologie di stampa 3D utilizzano una resina che è in grado di essere foto-polimerizzata dalla luce.

Stampa 3D a filamento e a resina: pro e contro

Per procedere con una scelta è importante capire i costi e i benefici delle due tecnologie per la stampa 3D a basso costo.

FDM 

utilizza un filo che viene fuso. Il minimo spessore dello strato (layer) viene impostato dalla meccanica dell’asse Z della stampante. Lo standard è 200 e 100 µm (0,2/0,1 mm). Alcune stampanti dichiarano la possibilità di arrivare a 50 e anche 20µm. Il tempo necessario a stampare l’oggetto dipendono fortemente dall’altezza dello strato. Il layer determina il grado di rugosità della superficie esterna. Più lo spessore è basso e migliore è l’aspetto finale del prodotto stampato.

Questa tecnologia è utilizzata per la prototipazione rapida dati i bassi costi dei materiali consumabili (a partire dai 20€ per chilo) e la buona riuscita meccanica e di aspetto dei pezzi prodotti. I costi di queste stampanti sono mediamente più bassi di quelle a resina. Anche l’area di stampa, in rapporto al prezzo, è maggiore delle stampanti 3D stereo-litografiche.

Le stampanti 3D a filamento fuso permettono di produrre oggetti al loro interno vuoti o semivuoti (fattore di riempimento). Il fattore di riempimento abbassa i costi del prodotto stampato.

La manutenzione ordinaria consiste nella sostituzione della testina di stampa/ugello di estrusione.

DLP SLA

utilizza una liquido che viene indurito da una luce UV. Il minimo spessore dello strato parte dai 200µm e può arrivare ai 10 µm. Produce oggetti con il migliore dettaglio nel campo della stampa 3D. Il minimo punto stampabile varia dai 300 µm, di diametro, in giù. Ha una limitata scelta di materiali stampabili, soprattutto nelle stampanti a relativo basso costo. La ricerca sui materiali fa ben sperare in nuove resine come quelle caricate con ABS o nano ceramica.

Questa tecnologia è ampiamente utilizzata nel campo della gioielleria e del dentale.  Viene scelta quando l’oggetto da prototipare ha molti piccoli dettagli e si vuole avere una qualità simile al prodotto finito. Il costo delle resine è sensibilmente più elevato dei consumabili a filamento. I colori disponibili sono limitati. Con questa tecnologia si possono produrre oggetti trasparenti. L’area di stampa è sensibilmente minore a parità di costo.

Le stampanti 3D a resina hanno un fattore di riempimento sempre al 100%. Al contrario delle stampanti FDM non permettono risparmi sul materiale utilizzato per stampare l’oggetto.

La manutenzione ordinaria consiste nella sostituzione della vaschetta e nel piatto di stampa.

Video: come funziona una stampante 3D a resina DLP SLA

Modelli di stampanti 3D a resina DLP SLA

Le stampanti 3D a resina DLP SLA partono da quella meno costosa e meno professionale a quella con prestazioni superiori.

Wanhao Duplicator 7 (v1.3)

Questo produttore è da qualche anno sul mercato con le stampanti FDM. Questa è la sua prima stampante 3D a resina DLP. Dopo 6 mesi dall’uscita è già stata fatta la quarta revisione per ovviare ai problemi riscontrati dai clienti. Vengono forniti i profili di stampa (le ricette) per l’utilizzo delle resine e sono memorizzati nel software di gestione e stampa esterno alla stampante 3D. E’ una macchina adatta ai curiosi che si vogliono cimentare con le stampanti a liquido a basso costo.

La preparazione della stampa, il riempimento della resina nella vaschetta e l’azzeramento dell’asse Z devono essere eseguiti manualmente. Il software di stampa (fornito), installato nel vostro computer (non fornito), deve essere sempre collegato alla stampante 3D nella fase di stampa.

Le resine sono disponibili in: resine generiche di vari colori tra cui il Clear che è trasparente. Il costo per chilogrammo di resina si aggira sui 60€ per la resina generica.

Qui puoi scaricare il Duplicator7_USER_MANUAL_REV.A e il file di spiegazioni delle correzioni sulle revisioni v1.2: Wanhao Duplicator D7 V1.1 correction.

Prezzo di listino 695€ Prestazioni
Stampanti 3D a resina DLP SLA - Wanhao Duplicator 7 - vista esterna
Area di stampa    Software di slicing    Risoluzione layer    Tipologie di resine
Non dichiarato    Win-Linux    50-100um    standard-clear

 

XYZprinting NOBEL (v1.0A)

Questo produttore è sul mercato dal 2013 con le stampanti FDM a basso costo. Questa è la sua prima stampante 3D a resina SLA. La 1.0A è la seconda versione della stampante 3D originariamente prodotta. E’ definita come una plug&play, cioè pronta all’uso. E’ una macchina adatta ai semi-professionisti che si vogliono cimentare con le stampanti a liquido a basso costo. Per oggetti con sezione superiore ai 100 x 100 mm viene consigliato di dividere l’oggetto in più parti e riunirlo con incollaggio delle parti.

Ha il riempimento automatico della resina nella vaschetta. Viene fornito il software di slicing proprietario.

Le resine sono disponibili in: clear (trasparente, resine generiche di vari colori, castable (per uso gioielleria) e flex (polimero flessibile). Il costo per chilogrammo di resina si aggira sui 140€ per la resina generica. Per la resisna “castable” il costo è di 260€ per chilogrammo.

Prezzo di listino 1995€ Prestazioni
stampanti 3d a resina DLP SLA - XYZprinting Nobel 10 - vista aperta
Area di stampa    Software di slicing    Risoluzione layer    Tipologie di resine
128x128x200 mm    Win-Mac OSx    25-100um    clear-castable-flex

In basso alcuni oggetti stampati con la XYZprinting NOBEL 1.0A.

stampanti 3D a resina DLP SLA - XYZprinting NOBEL 10A - oggetti stampati

stampanti 3D a resina DLP SLA – XYZprinting NOBEL 10A – oggetti stampati

FlashForge Hunter 

Questo è un rinomato produttore di stampanti FDM a basso e medio costo. Questa è la sua prima stampante 3D a resina DLP. E’ definita come una plug&play, cioè pronta all’uso. E’ una macchina adatta ai semi-professionisti che si vogliono cimentare con le stampanti a liquido a basso costo.

Ha la calibrazione automatica dell’asse Z. Viene fornito il software di slicing proprietario completo di ricette per l’utilizzo delle varie resine.

Le resine sono disponibili in: standard, castable (per uso gioielleria). Il costo per chilogrammo di resina si aggira sui 200€ per la resina generica. Per la resisna “castable” il costo è di 400€ per chilogrammo. La stampante è compatibile con resine di terze parti quali: MadeSolid, Ackuretta Materials e  Unishape. Si possono stampare oggetti con resine Bio-compatibili (Luxaprint 3D shell by DETAX) e resine dure.

Ha la connessione USB e WiFi.

Prezzo di listino 4199€ Prestazioni
stampanti 3d a resina DLP SLA - FlashForge HUNTER - vista frontale
Area di stampa    Software di slicing    Risoluzione layer    Tipologie di resine
120x67x150 mm    Win-Mac OSx    12,5-50um    standard-castable

 

In basso alcuni oggetti stampati con la FlashForge HUNTER

stampanti 3d a resina DLP SLA - FlashForge Hunter - oggetti stampati con resina standard

stampanti 3d a resina DLP SLA – FlashForge Hunter – oggetti stampati con resina standard

 

stampanti 3d a resina DLP SLA - FlashForge HUNTER - oggetti stampati con resina castable

stampanti 3d a resina DLP SLA – FlashForge HUNTER – oggetti stampati con resina castable

FormLabs Form 2

Questo produttore è nato con lo scopo di produrre stampanti 3D a resina SLA per il mercato Desktop. E’ un prodotto presente da alcuni anni sul mercato, per cui ben testato dai clienti di tutto il mondo. E’ definita come una plug&play, cioè pronta all’uso.

Ha il riempimento automatico della resina nella vaschetta. La vaschetta contenente la resina viene mantenuta ad una temperatura costante e agitata per migliorare le stampe di grandi oggetti. Viene fornito il software di slicing proprietario.

Le resine sono disponibili in: clear (trasparente), resine generiche di vari colori, castable (per uso gioielleria), flex (polimero flessibile), HighTemp (per alte temperature), resine dure, per uso dentale. Il costo per chilogrammo di resina parte dai 170€ ai 330€ della castable.

Prezzo di listino 4025€ Prestazioni
stampanti 3D a resina DLP SLA - FormLabs Form 2 - vista frontale
Area di stampa    Software di slicing    Risoluzione layer    Tipologie di resine
145x145x175 mm    Win-Mac OSx    25-100um    vasta scelta

 

stampanti 3D a resina DLP SLA - FormLabs FORM 2 - oggetti stampati

stampanti 3D a resina DLP SLA – FormLabs FORM 2 – oggetti stampati

 

stampanti 3D a resina DLP SLA - FormLabs FORM 2 - stazione di lavaggio e curing

stampanti 3D a resina DLP SLA – FormLabs FORM 2 – stazione di lavaggio e curing

 


Rosso3D: Stampanti 3D a resina DLP SLA a Brescia